Condizionatore d’aria – guida all’acquisto

Il condizionatore d’aria è un elettrodomestico ad oggi presente nella maggior parte delle nostre case. Questa guida si propone di offrire delle indicazioni per comprendere meglio caratteristiche, prestazioni, efficienza e consumi di questo apparecchio, al fine di poter operare un’eventuale acquisto in modo consapevole e informato.

Le pompe di calore e i raffrescatori: come funzionano i condizionatori d’aria?

I condizionatori d’aria comprendono le pompe di calore – apparecchi in grado di immettere nell’ambiente aria calda o aria fresca – e i raffrescatori, che si occupano esclusivamente di raffreddare la stanza in cui sono collocati. Ciascun condizionatore è costituito da due parti principali; una che cede il freddo ed è costituita dall’evaporatore (che è uno scambiatore di calore) e dal ventilatore, un’altra che genera il freddo ed è formata dal condensatore, da un compressore e da un ventilatore. Entrambe le parti sono collegate tra loro da cavi elettrici e tubi di rame all’interno dei quali circola il Freon, un gas nobile con proprietà refrigeranti.

Il funzionamento prevede un ciclo continuo a diverse fasi. Inizialmente, il compressore comprime il Freon a 20 atmosfere, facendogli così raggiungere una temperatura di circa 80°C; con questa condizione termica, il gas giunge allo scambiatore esterno, cedendo all’aria parte del suo calore mediante l’aiuto del ventilatore. Facendo questo, il Freon si raffredda, assume consistenza liquida e viene costretto a passare attraverso un foro molto piccolo, detto Tubo Capillare, all’interno del quale si dilata e ritorna allo stato gassoso, raffreddandosi improvvisamente e raggiungendo la temperatura di circa 5°C; il gas passa quindi all’evaporatore che con il proprio ventilatore cede aria fredda all’ambiente e di qui torna al compressore per un nuovo ciclo.

Come funzionano i condizionatori d’aria?
condizionatore

1. Condensatore (lato caldo). 2. Valvola di espansione. 3. Evaporatore (lato freddo). 4. Compressore.

 

I condizionatori mobili

I condizionatori mobili sono apparecchi portatili che dispongono di ruote per un facile trasporto da una stanza all’altra; funzionano in modo semplice e veloce non appena vengono attaccati alla presa di energia elettrica e sono utili per raffrescare locali di dimensioni non molto grandi.

Condizionatori mobili

Vedi tutti i condizionatori portatili in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori Portatili

Diverse tipologie di condizionatori mobili: monoblocco, split e multisplit

Attualmente in commercio sono disponibili moltissime tipologie di condizionatori mobili, adatti a rispondere alle esigenze degli ambienti e dei locali in cui vengono collocati.

Gli apparecchi di questo tipo possono essere monoblocco, split o multisplit. I monoblocco, come suggerisce la parola stessa, sono formati da un’unica unità che racchiude in sé il compressore, la ventola e il circuito frigorifero; è disponibile la tipologia con un solo tubo flessibile per trasportare l’aria al di fuori della stanza o il modello con due tubi. La prima tipologia presenta lo svantaggio di utilizzare per il raffrescamento l’aria della stanza condizionata, attirando in questo modo l’aria calda dalle stanze circostanti e offrendo quindi un minor confort; il modello a due tubi, invece, utilizzando l’aria esterna per il raffrescamento, permette di ottenere prestazioni migliori e maggior comfort.

I modelli split possiedono invece un’unità interna dedita allo scambio termico con l’aria del locale e un’unità esterna contenente il compressore (detta motocondensante) che viene sistemata all’esterno del locale; le due unità sono collegate da un tubo flessibile di diametro di circa 5cm contenente i tubi per il gas e i collegamenti elettrici. Tra i vantaggi di questo apparecchio c’è il fatto che risulta più silenzioso, essendo la seconda ventola collocata all’esterno, e che i tempi di risposta sono molto brevi.

E’ possibile anche disporre di un’unica motocondensante esterna che serve però più di una macchina interna; si parla in questo caso di condizionatore multisplit. Esso permette di avere diversi condizionamenti di temperatura in ambienti differenti ma anche vicini tra loro; ciò può risultare molto utile per ambienti esposti a differenti sollecitazioni termiche perché diversamente orientati rispetto al sole.

Perché acquistare un condizionatore mobile?

I condizionatori mobili permettono di rinfrescare ambienti di dimensioni ridotte, rendendo il locale più confortevole. Essi sono pronti all’uso, non necessitano di alcuna installazione e hanno opzioni di posizionamento abbastanza flessibili. Presentano lo svantaggio di necessitare di un foro sul vetro o sulla parete per consentire il passaggio dei tubi o di una finestra semiaperta che comporta l’introduzione di umidità ed aria calda dall’esterno, ma risultano essere molto utili quando non è possibile installare impianti di tipo tradizionale o non è permesso compiere lavori di muratura.

I condizionatori fissi: modello a parete, a cassetta o a canalizzazione?

I condizionatori fissi vengono installati a parete e possono, al pari degli apparecchi portatili, essere monoblocco, split o multisplit; i primi possiedono una sola unità, mentre gli altri sono costituiti da una parte esterna e una o più parti interne all’abitazione.
Le unità interne possono essere a parete, a cassetta – installabile sia a soffitto che a pavimento – o a canalizzazione.

Il climatizzatore a parete è utile se non è stata fatta una progettazione preventiva del sistema di climatizzazione degli ambienti; generalmente esso viene collocato nella parte alta di una parete che affaccia all’esterno, così da avere un immediato collegamento con la parte esterna.

Condizionatori a parete e a casetta

Vedi tutti i condizionatori a parete in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore a Parete

Vedi tutti i condizionatori a casetta in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore a Casetta

Gli apparecchi a pavimento vengono generalmente installati sotto una finestra o in nicchie delle pareti e prevedono l’emissione dell’aria dalla parte superiore in caso di raffrescamento, mentre l’aria calda per il riscaldamento viene emessa dalla parte inferiore, al fine di sfruttare la diversa stratificazione dell’aria.

I climatizzatori canalizzati, così come quelli a soffitto, sono completamente nascosti, fatta eccezione per una mascherina frontale a vista; generalmente essi vengono posizionati all’interno di una nicchia nella parete o in un controsoffitto.

Perché acquistare un condizionatore fisso?

I condizionatori fissi offrono numerosi vantaggi; sono innanzitutto più efficienti di quelli mobili, coprono superfici più estese, sono meno rumorosi e meno costosi. Necessitano di installazione da parte di tecnici specializzati perché le tubazioni e i cavi elettrici devono essere collegati in maniera corretta, affinché non vi siano perdite di liquido refrigerante, e devono essere fatti passare attraverso la parete.

Condizionatori fissi

Vedi tutti i condizionatori fissi in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori Fissi

I condizionatori a pompa di calore: di cosa si tratta?

I condizionatori a pompa di calore permettono di produrre calore e rinfrescamento con un solo apparecchio e per questo vengono sempre più utilizzati sia in ambito residenziale che nel terziario per climatizzare l’ambiente, in alternativa ai classici sistemi refrigeranti e di riscaldamento; la pompa di calore può essere inoltre utilizzata anche per riscaldare l’acqua dei sanitari.

In commercio sono disponibili macchine di tipo classico – on-off – e di dipo Inverter; in questo ultimo caso si ha nel climatizzatore una sorta di inversione del ciclo del freddo, ossia, cercando di raffreddare l’esterno, viene prodotto del calore che, rilasciato, riscalda l’ambiente. Il calore viene immesso nell’ambiente mediante ventilo-convertitori, serpentine nel pavimento, canalizzazioni. Questa tecnologia offre l’opportunità di riscaldare locali chiusi in un breve intervallo di tempo, permettendo di ottenere un notevole risparmio di energia.

Come funziona la pompa di calore?

La pompa di calore consiste in un circuito chiuso costituito da un compressore, un condensatore, una valvola di espansione e un evaporatore in cui circola un fluido frigorifero. Tale fluido, sottoposto a compressione, aumenta di pressione e di temperatura e in questo modo attraversa il condensatore cedendo calore al pozzo caldo nel passaggio da stato di vapore a stato liquido. Una volta liquefatto, il fluido passa attraverso una valvola di espansione uscendone con pressione e temperatura nettamente inferiore, trovandosi nell’evaporatore in condizione di assorbire il calore dalla sorgente fredda; il fluido passa quindi allo stato di vapore assorbendo calore ed è quindi pronto per ricominciare il ciclo.

Le diverse tipologie di condizionatori a pompa di calore: aria-aria, acqua-acqua, terra-acqua

La pompa deve estrarre il calore da un mezzo esterno, una sorgente fredda, che può essere di tipologia differente. Alcune pompe di calore di tipo aria-acqua utilizzano quale sorgente l’aria esterna o interna del locale in cui la pompa è inserita, aspirandola tramite una ventola e rilasciando nell’evaporatore parte del suo calore refrigerante. Altre apparecchiature di tipo acqua-acqua possono utilizzare l’acqua di fiume, di lago o di falda, la cui sorgente sia collocata in prossimità dei locali che devono essere riscaldati e in profondità ridotta, oppure può essere raccolta in appositi serbatoi e riscaldata dal sole. Un’altra sorgente può essere costituita dal terreno, la cui energia assorbita dall’irradiamento solare o dalla pioggia e dal vento può essere utilizzata e convogliata alla pompa di calore di tipo terra-acqua; nel sottosuolo vengono inserite apposite tubazioni a circuito chiuso per consentire lo scambio termico attraverso un fluido termovettore.

Le pompe del tipo terra-acqua e acqua-acqua devono essere installate al riparo dal gelo e possono essere collocate anche all’interno di un ripostiglio.

Perché scegliere un condizionatore a pompa di calore?

La pompa di calore permette di avere un apparecchio di riscaldamento ad elevate prestazioni, tra i più puliti ed ecosotenibili attualmente in commercio. Il consumo di corrente è notevolmente ridotto (67% in meno rispetto a un normale radiatore elettrico se lo si considera funzionante in condizioni ottimali) ed è quindi particolarmente vantaggioso dal punto di vista economico ed ecologico. Qualora la corrente venga ricavata da energie rinnovabili, si possono scaldare gli ambienti senza emettere CO2 nell’ambiente.

Condizionatori con una pompa di calore

Vedi tutti i condizionatori con una pompa di calore in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori con una pompa di calore

Il condizionatore e l’ambiente

Anche un condizionatore, come ogni elettrodomestico, ha un impatto sull’ambiente. In particolare, alcune sostanze che possono essere utilizzate come fluidi refrigeranti (specie CFC, HCFC o R22) contribuiscono a danneggiare lo strato dell’ozono atmosferico; per questo motivo sono stati introdotti liquidi sintetici di nuova ideazione e, nel 2004, l’Unità Europea ha vietato la produzione di climatizzatori che utilizzano come refrigerante il Freon R22. Nel 2010, inoltre, ne è stata vietata la commercializzazione.

Un altro aspetto è rappresentato dal fatto che i condizionatori possono contribuire anche all’aumento dell’effetto serra, essendo alimentati con energia elettrica (il sempre più diffuso utilizzo comporta un aumento della richiesta di energia e quindi un maggiore utilizzo di risorse non rinnovabili per la sua produzione) e contribuendo al riscaldamento atmosferico attraverso l’emissione all’esterno di una temperatura molto più alta di quella asportata.

Per un acquisto responsabile e consapevole è bene quindi tenere presente queste informazioni e preferire apparecchi maggiormente attenti all’ambiente e alle sue necessità.

Condizionatori A++

Vedi tutti i condizionatori A++ in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore A++

L’etichettatura energetica per i condizionatori

A partire dal 1 gennaio 2013, in osservanza del Regolamento CE n. 206 del 2012, è entrato in vigore in Italia, anche per i condizionatori a condotto singolo e doppio, un nuovo sistema di classificazione ed etichettatura energetica; le nuove norme hanno previsto sette classi energetiche, comprese tra la classe A+++ con migliori prestazioni e la classe D, a prestazioni meno efficienti. Attraverso tale classificazione, i consumatori hanno a disposizione uno strumento che permette loro, in maniera semplice e immediata, di confrontare le prestazioni degli apparecchi che desiderano acquistare.

Le etichette energetiche per i condizionatori vanno apposte dal venditore su tutti i tipi di apparecchi e in esse deve essere indicato, oltre alla classe energetica, il marchio, il nominativo del produttore e il modello del prodotto, l’eventuale marchio di qualità ecologica UE – Ecolabel, il consumo di energia calcolato su base annua e prendendo di riferimento la potenza massima per 500 ore annue, la capacità di raffreddamento a pieno regime (espressa in kWh), l’indice di EER (efficienza energetica dell’apparecchio), la tipologia di raffreddamento (indicante la funzione ad aria o ad acqua) e la rumorosità emessa dall’elettrodomestico.

Per gli apparecchi con funzione di riscaldamento, deve essere indicata anche la capacità di riscaldamento – espressa in kWh e calcolata a pieno regime – e la classe di efficienza energetica, indicata con una scala di valori compresi tra la classe A e la classe G.

Come calcolare la potenza refrigerante del condizionatore per scegliere l’apparecchio giusto che risponda alle mie esigenze?

La potenza di un condizionatore può essere espressa mediante l’unità di misura BTU/h (British Thermal Unit per Hour), il Watt o, ancora, la chilofrigoria/ora (si tenga presente che 1 Watt corrisponde a 3,4 BTU/h e 1 Kfrig/h corrisponde a 4 BTU7h) e fa riferimento alla capacità della macchina di cedere o assorbire calore nell’arco di tempo di un’ora. Per i condizionatori monoblocco, la potenza è generalmente compresa tra 7.000 e 9.000 BTU/h, mentre per i modelli split la potenza può anche raggiungere i 14.000 BTU/h.

Per calcolare la potenza ideale per le proprie esigenze, bisogna tenere in considerazione il fatto che più un condizionatore è potente e più è efficace; è però importante anche valutare l’ampiezza delle stanze, la loro esposizione e l’estensione della superficie delle finestre.

Per ottenere un calcolo indicativo della potenza utile per il proprio ambiente, è possibile utilizzare la formula K x L1 x L2 x h, dove L1 e L2 sono i due lati della stanza espressi in metri, h è l’altezza, anch’essa espressa in metri, e K è una costante che per il freddo corrisponde a 25 e per il caldo a 35. Questi valori, ovviamente, sono solo indicativi e non tengono conto di variabili quali finestre molto grandi, solai, pareti isolate in maniera non idonea, etc.

L’Indice di Efficienza Elettrica (EER) e il Coefficient Of Performance (COP)

L’Indice di Efficienza Elettrica (EER) è un parametro che rappresenta il rendimento, l’efficienza elettrica del climatizzatore in fase di raffrescamento; per esempio, un EER di 5,13 corrisponde a 5130 Watt Termici assorbiti dall’ambiente sottoforma di calore per ogni 1000 Watt di corrente elettrica consumata.

Il Coefficiente di Performance (COP) fa riferimento invece al rapporto tra il calore utile fornito dal climatizzatore e l’energia elettrica o il gas utilizzati per produrre tale calore; ad esempio, un COP di 5,13 equivale a 5130 Watt termici che vengono restituiti sottoforma di calore per ogni Watt di corrente elettrica consumata.

Entrambi i valori ci permettono quindi di ricevere indicazioni sull’efficienza della pompa, rispettivamente in fase di raffreddamento e di riscaldamento; essi vengono calcolati in condizioni di laboratorio, con funzionamento a pieno regime e con temperature a livelli predefiniti.

La rumorosità emessa dal condizionatore

Un aspetto importante da tenere in considerazione per l’acquisto di un condizionatore è quello che concerne la rumorosità che esso emette; per i climatizzatori, questo parametro viene misurato in dB(A) e tanto minore sarà il suo livello, tanto maggiore sarà il comfort offerto dall’apparecchio. In via generale, un climatizzatore abbastanza silenzioso avrà un indice di rumorosità emessa inferiore ai 30 dB(A) mentre quelli più silenziosi presenteranno un valore di 19 dB(A). Per avere un’idea più precisa, si può considerare che il fruscio delle foglie nel bosco ha una rumorosità di 10 dB(A).

Condizionatori Silenziosi

Vedi tutti i condizionatori silenziosi in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore Silenziosi

Le tecnologie e le funzioni disponibili:

Il climatizzatore Inverter e il climatizzatore tradizionale di tipo On/Off

Il climatizzatore Inverter è un apparecchio che, tramite la modulazione dell’invio di tensione al compressore, permette di modulare la potenza del climatizzatore in relazione all’effettiva richiesta di maggiore caldo o maggiore freddo da parte dei locali da climatizzare, ottenendo una resa variabile e, di conseguenza, consumi inferiori. Rispetto al classico condizionatore di tipo on/off, vengono quindi eliminati i continui “attacca e stacca” operati dal motore, permettendo di avere una maggiore rapidità nel raggiungere la temperatura desiderata; vengono inoltre evitate le escursioni termiche tipiche dei compressori tradizionali.

Il filtro purificante – Antimicrobial Filter

Ad oggi, gli attuali condizionatori sono dotati di filtri che permettono di purificare l’aria dei locali da pollini, polvere e smog; i più recenti dispongono anche di filtri con azione antibatterica.

E’ necessario operare una costante pulizia e sostituzione dei filtri, in quanto muffe, batteri e spore si possono accumulare, portando al rischio di provocare allergie e altre spiacevoli conseguenze.

La capacità di trattamento dell’aria che un condizionatore è in grado di operare viene espressa in metri cubi per ora e permette di ricevere un’indicazione rispetto alla quantità di aria presente nel locale che viene filtrata e deumidificata nell’arco di tempo di 60 minuti; tanto maggiore è tale capacità, tanto più efficiente sarà il condizionatore.

I filtri agli ioni attivi

Il filtro a ioni attivi si basa su una tecnologia che permette di contrastare e prevenire allergie e problemi respiratori, svolgere un’azione anti-muffa e garantire un ambiente confortevole e di relax. In questo dispositivo vengono generati ioni di ossigeno e ioni di idrogeno che, legandosi agli elettroni, si trasformano in atomi di idrogeno attivo. Tali atomi ottenuti, aderiscono alla superficie delle particelle nocive, le decompongono eliminandole quindi dall’aria che respiriamo, e si trasformano infine in particelle di acqua che vengono disperse nell’ambiente.

Funzione di deumidificazione

Il condizionatore è in grado di svolgere anche un’azione di deumidificazione dell’aria della stanza; passando attraverso lo scambiatore, infatti, l’aria si raffredda e deposita nella vaschetta di scarico la propria umidità sottoforma di goccioline di condensa, potendo così uscire dallo scambiatore stesso asciutta e deumidificata. Tale azione riduce ulteriormente la sensazione di calore percepita, andando appunto a togliere l’umidità che è la causa principale dell’afa che avvertiamo.

Funzione WI-FI

Alcuni climatizzatori di ultima generazione sono dotati di nuove tecnologie che permettono di ottenere un utilizzo più facile e comodo del nostro apparecchio. In particolare, la tecnologia WI-FI consente di accedere alle funzioni della propria macchina anche quando non si è in casa, attraverso un’applicazione installata nel proprio computer, tablet o smartphone; oltre a poter regolare temperatura e tempo di funzionamento a distanza, questa funzione permette anche di controllarne i consumi e personalizzare i cicli di utilizzo secondo le proprie esigenze e necessità.

La nuova normativa per gli impianti di climatizzazione

La nuova normativa introdotta con il Decreto del Ministero dell’Economia, attuativa delle nuove norme di manutenzione per impianti di climatizzazione e riscaldamento sancite con DPR n. 74 del 2013, ha sancito che dal 1 giugno 2014 entrasse in vigore l’obbligo di un nuovo libretto di impianto per apparecchi termici di climatizzazione invernale o estiva; il libretto deve essere compilato, la prima volta, dall’installatore e deve poi essere aggiornato dal manutentore o dal responsabile dell’impianto, ovvero il proprietario dell’immobile o chi lo occupa al altro titolo. Inoltre, la nuova legge ha introdotto gli obblighi di controllo periodico per impianti termici di climatizzazione invernale con potenza superiore ai 10 kW e per impianti termici di climatizzazione estiva con potenza superiore ai 12 kW (restano pertanto esclusi, per il momento, i piccoli condizionatori domestici). I controlli riguardano la manutenzione ordinaria, solitamente annuale, prevista dal manuale tecnico dell’apparecchio e l’analisi dell’efficienza energetica che deve essere fatta ogni due o quattro anni, a seconda delle caratteristiche della macchina

In fine

Il climatizzatore è un elettrodomestico che sempre più entra e si dimostra utile nelle nostre case e nei nostri ambienti di lavoro e che per questo richiede di essere conosciuto per poterne fare un acquisto e un uso corretto e consapevole. Speriamo, con questa nostra guida, di essere riusciti a fornirvi le indicazioni fondamentali, al fine di poter operare l’acquisto migliore sulla base delle vostre specifiche esigenze.

Offerte condizionatori in vendita online

Vedi tutti i condizionatori silenziosi in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore Silenziosi

Vedi tutti i condizionatori A++ in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore A++

Vedi tutti i condizionatori con una pompa di calore in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori con una pompa di calore

Vedi tutti i condizionatori a casetta in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore a Casetta

Vedi tutti i condizionatori a parete in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatore a Parete

Vedi tutti i condizionatori fissi in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori Fissi

Vedi tutti i condizionatori portatili in offerta, scontati ed in promozione.

Condizionatori Portatili
      ValutaTutto.it